«Internet è come un immenso magazzino (di informazioni), ma non può costituire di per sé la "memoria"» (Umberto Eco) --- «Ecco, aiuto io!» (Dilettantus Didymus)

Thomas sein Abendland

Was so wichtig ist zwischen Vatikan und Niederrhein

  • Alle Rechtschreibefehler sind beabsichtigt und tragen zur allgemeinen Erheiterung der Leserschaft bei!
  • C+M+B*2019*

    28.2.10

    Und da Sonntag ist ein gemeinsamer Solidaritätsakt vom Dilettanten, Elsa Laska und der Petrusbruderschaft mit Margot

    Adamo ed Eva nel peccato
    Parapon zopon zipon
    eran sotto un pergolato
    Parapon zopon zipon
    Per un grappolo rubato
    il buon Abele fu ammazzato
    Daghe da be' biondina
    Daghe da be' bionda.

    Era scritto nel Vangelo,
    chi non beve non va in cielo.
    era scritto nel Vangelo
    chi non beve non va in cielo.

    E lo disse il Padre eterno:
    chi non beve va all'inferno.
    Ogni dì Gesù bambino
    si gustava il suo grappino.

    Profetò Sant'Isaia
    che il vin buono fa allegria,
    quanto più vino si scolava
    tanto più David cantava.

    S. Ambrogio da Milano
    predicava col fiasco in mano.
    Ed un buon bicchier di vino
    convertì S. Agostino.

    E la Santa Caterina
    meditava giù in cantina.
    San Luigi da bambino
    niente latte solo vino.

    San Francesco in su la Verna
    ne teneva una cisterna.
    Ed il vino a Santa Vera
    arrivava in petroliera.

    Predicava San Modesto
    "beve ben chi beve lesto".
    Lo diceva anche San Biagio
    "beve mal chi beve adagio".

    Predicava San Camillo
    "non è male essere brillo"
    nella messa i santi vecchi
    come ampolle usavan secchi.

    A ogni ora San Severo
    bevve vino e vino nero
    si racconta che una notte
    ne scolò quasi una botte.

    Lo trovarono al mattino
    ubriaco dentro a un tino
    lo portarono sul letto
    quasi morto poveretto.

    Si svegliò sul mezzogiorno
    e in cantina fe' ritorno
    anche prima di morire
    chiese vin per digerire.

    Con Giovanni Crisostomo
    l'osteria dieventa un duomo
    San Giovanni Calassanzio
    ne beveva a crepapanzio.

    Ricordiam San Nicolò
    che nel vino s'annegò.
    Sant'Ignazio di Loyola
    si sbronzò di Coca-Cola.

    E la Santa Sinforosa
    bevve vino senza posa.
    E la Santa Berenice
    beve molto e non lo dice.

    Pel deserto son partiti
    Sant'Antonio e gli eremiti.
    Han riempito di vinello
    fin le gobbe del cammello.

    Ed il vescovo ed il clero
    bevon solo vin sincero.
    E la madre superiora
    fa una sbronza ad ogni ora.

    Ed in ciel ogni angioletto
    beve vino e vino schietto.
    Ed insieme a tutti i santi
    fanno brindisi col Chianti.

    Anche il diavolo all'inferno
    se ne beve uno squanterno
    ed insieme ai condannati
    fa baldoria col Frascati.

    Tutti i frati della trappa
    niente vino, solo grappa.
    Con 'na botte di Barbera
    si ritirano in preghiera.

    Ogni suora di clausura
    port il fiascho alla cintura
    e le loro superiore
    sono sbronze a tutte l'ore.

    tra i canti
    vuol le litanie dei santi,
    ma tra i "santi" è poi palese
    preferisce il San Giovese.

    Und ich geh jetzt zum Frühschoppen

    Labels:

    IBSN: Internet Blog Serial Number 3-111-11000-8